ESECUZIONE FORZATA: la natura abusiva del bene non inficia in alcun modo la vendita forzata

La natura abusiva del bene, se limita la commerciabilità del cespite nei negozi di trasferimento di diritto privato, non inficia in alcun modo la pignorabilità dello stesso, né la vendita forzata. Le vicende legate ai profili urbanistici dell’immobile, infatti, non hanno incidenza alcuna sulla apposizione del vincolo pignoratizio e sulla delega delle operazioni di vendita. In altri termini, l’abusività del bene deve emergere ai meri fini di rendere noto lo status dell’immobile ai potenziali offerenti in sede di vendita e, a fortiori, all’aggiudicatario, ma non incide diversamente sulla assoggettabilità del bene al pignoramento.

Questo il principio ribadito dal Tribunale di Napoli, Giudice Mario Ciccarelli, con l’ordinanza del 26 febbraio 2020.

Nel caso in esame, un debitore esecutato ha chiesto la sospensione dell’esecuzione promossa in suo danno sulla base dell’abusività (e quindi l’incommerciabilità) dell’immobile pignorato e l’acquisizione dello stesso al patrimonio del Comune. L’istanza non è stata accolta.

Riguardo alla pignorabilità di un immobile abusivo, il Giudice dell’Esecuzione si è uniformato ad un orientamento ben consolidato in giurisprudenza, secondo il quale “le nullità previste dall’art. 40 della l. 47/1985 non si estendono ai trasferimenti derivanti da procedure esecutive immobiliari individuali, di talché anche l’immobile abusivo non sanabile può costituire oggetto di vendita forzata, purché ciò sia dichiarato nel bando di vendita” (Cassazione civile, 11/10/2013, n. 23140). Lo stesso testo unico sull’edilizia ha confermato che la facoltà di sanatoria non è concessa all’acquirente in via automatica, ma è subordinata all’esistenza delle relative condizioni. Una comminatoria di nullità che si estendesse agli atti di trasferimento effettuati nell’ambito delle procedure esecutive individuali o concorsuali, piuttosto che rappresentare una sanzione nei confronti del proprietario dell’edificio abusivo, finirebbe – al contrario – per favorirlo, in pregiudizio dei creditori.

La natura abusiva del bene, se limita la commerciabilità del cespite nei negozi di trasferimento di diritto privato, non inficia in alcun modo la pignorabilità dello stesso, né la vendita forzata. Le vicende legate ai profili urbanistici dell’immobile, infatti, rilevano nella vendita forzata ai fini di cui all’art. 173 bis disp. att. c.p.c., ovvero sotto il profilo afferente alla relazione di stima del compendio pignorato, ma non hanno incidenza alcuna sulla apposizione del vincolo pignoratizio e sulla delega delle operazioni di vendita. In altri termini, l’abusività del bene deve emergere ai meri fini di rendere noto lo status dell’immobile ai potenziali offerenti in sede di vendita e, a fortiori, all’aggiudicatario, ma non incide diversamente sulla assoggettabilità del bene al pignoramento.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia ai seguenti contributi pubblicati in Rivista:

ASTE, L’IMMOBILE ABUSIVO PUO’ ESSERE VENDUTO
LA PROCEDURA CONSENTE LA COMMERCIABILITÀ PURCHÈ CI SIANO LE CONDIZIONI PER IL RILASCIO DELLA SANATORIA
Articolo Giuridico | Il Mattino, Legalmente | 23.02.2020
https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/aste-limmobile-abusivo-puo-essere-venduto

IMMOBILE ABUSIVO: IMPIGNORABILE IN IPOTESI DI ACQUISIZIONE AL PATRIMONIO COMUNALE
SI REALIZZA UN ACQUISTO A TITOLO ORIGINARIO CHE LO TRASFORMA IRREVERSIBILMENTE IN RES EXTRA COMMERCIUM
Ordinanza | Corte di Cassazione, sez. sesta, sottosezione 3, Pres. Amendola – Rel. D’ Arrigo | 06.10.2017 | n.23453
https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/immobile-abusivo-e-impignorabile-in-ipotesi-di-acquisizione-al-patrimonio-comunale

Write a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *